Da non perdere
Home / Spettacoli / Bari / Bari, Teatro Kismet “Autodiffamazione” #Inscena il 2 aprile

Bari, Teatro Kismet “Autodiffamazione” #Inscena il 2 aprile

Bari Teatro Kismet Autodiffamazionedi Gaiaitalia.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un uomo e una donna si autoaccusano di comportamenti assunti e azioni compiute o non compiute nella propria vita, assecondando o infrangendo le regole della società. “Io non sono quello che sono stato. Non sono stato come avrei dovuto essere. Non sono diventato quel che sarei dovuto diventare. Non ho mantenuto quel che avrei dovuto mantenere.”

Come attori, abbiamo scelto di esporci ed offrirci in quanto rappresentanti e testimoni dell’umanità di volta in volta radunata per l’occasione dello spettacolo, lasciandoci guardare, senza mascheramenti, nel nostro rapporto con il testo, che risulta così inquietantemente familiare e conosciuto a tutti.

Questo è l’esperimento sociale, il gioco, che ci siamo proposti: lontani da tutte le mode e da ogni mainstream, confidiamo, in modo oggi quasi desueto, nella forza e nella struttura di un testo come impalcatura per un gioco con la lingua e con la comunicazione, con il comune essere ed agire nel nostro tempo. Attraverso questo “semplice” gioco, si manifesta con immediatezza tutto ciò che caratterizza il nostro presente: l’isolamento, la continua violenza perpetrata sul proprio spazio interiore, il desiderio d’intimità, l’essere impacciati nell’uso della lingua, la difficoltà di un pensiero non già pensato, lo scandalo di un sentimento collettivo, il disorientamento politico, il miracolo dell’empatia che sopravive nonostante tutto, la storia comune che inesorabilmente ci lega, tutti, in quanto esseri umani, in quanto “terrestri”.

La scelta del bilinguismo, con gli “abiti” linguistici diversi dei due attori, fatti di suoni, ritmi, tonalità e musicalità differenti, rende inoltre particolarmente visibile l’estraneità, la lingua come abito, e abitudine, che ci viene fatta indossare quasi “per forza”, una lingua frutto dell’educazione, una lingua che non basta mai e che cerca sempre, attraverso la descrizione minuziosa, attraverso parafrasi, o appunto attraverso una traduzione, di tirare fuori dal guscio l’essenza non dicibile.

Lo spettacolo mostra in tal modo che cosa è la lingua, cosa può essere, producendo contemporaneamente un potenziale di pensiero non integrabile e non camuffante, ma essenziale, agonistico e provocatorio: qualcosa di cui il nostro presente ha bisogno.

 

 

 

Informazioni qui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(24 marzo 2016)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

admin

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi