Home / Danza / Teatro Goldoni di Venezia #Inscena “Giselle”, “Don Chisciotte” e “Ondine”: il 25 febbraio
Topvitamine.it

Teatro Goldoni di Venezia #Inscena “Giselle”, “Don Chisciotte” e “Ondine”: il 25 febbraio

Venezia Coreographic Collisiondi Gaiaitalia.com

 

 

 

 

 

Giovedì 25 febbraio alle ore 20.30 al Teatro Goldoni di Venezia prosegue EVOLUZIONI, la Stagione di Danza 2015-2016 promossa dal Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale, con What is classic?, spettacolo conclusivo del programma di ricerca Choreographic Collision di DanzaVenezia, che mette in relazione giovani coreografi e maestri della scena internazionale. In prima assoluta sul palco del Teatro Goldoni, Laura Boato, Samuel Nicola Fuscà e Laura Pante a partire dalla domanda “Cos’è classico? (What is classic)” danno la loro personalissima chiave di lettura di tre monumenti del repertorio ballettistico come “Giselle”, “Don Chisciotte” e “Ondine”.

 

Nel 1996 nasce DanzaVenezia, associazione culturale che riunisce e collega tra loro professionisti della danza del territorio della Regione del Veneto. L’Associazione si propone di promuovere la diffusione della danza, valorizzandone sia l’aspetto sociale come momento  di aggregazione e condivisione, sia quello culturale e formativo attraverso la ricerca e l’approfondimento. Dal 2007 DanzaVenezia realizza Choreographic Collision – percorso di ricerca coreografica un progetto di Viviana Palucci, Manola Bettio e Stefano Tomassini che ha l’obiettivo di offrire a giovani autori italiani, con il proprio nucleo artistico di riferimento, una straordinaria opportunità di sperimentazione, di ricerca e di supporto alla produzione. Il progetto si realizza attraverso alcuni momenti di confronto con coreografi di fama internazionale e qualificati operatori del settore, cioè quelle figure professionali indispensabili per il perfezionamento della creazione artistica.

 

L’edizione What is classic? Di Choreographic Collision indaga, in termini performativi, alcuni classici del repertorio di danza, sia per ripensare la validità culturale della nozione di passato, sia per ritrovare ragioni e problemi contemporanei in un patrimonio coreico troppo spesso immobilizzato nella ripetizione mercantile o silenziato attraverso una acquisizione neutrale, mai problematica; con una forte convinzione di fondo: è classico ciò che è capace di opporsi alla barbarie. I giovani coreografi selezionati – Laura Boato, Samuel Nicola Fuscà e Laura Pante – hanno dato la loro chiave di lettura di tre monumenti del repertorio ballettistico: “Giselle”, “Don Chisciotte” e “Ondine”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(19 febbraio 2016)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

admin

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi