Da non perdere
Home / Teatro #Vistipervoi / “L’Uomo che cammina nudo” #Vistipervoi da Alessandro Paesano

“L’Uomo che cammina nudo” #Vistipervoi da Alessandro Paesano

di Alessandro Paesano #Vistipervoi twitter@gaiaitaliacom #Teatro

 

Pino Pascali è una delle figure centrali del rinnovamento artistico italiano del secondo dopoguerra, uno dei massimi esponenti dell’arte povera. Un’arte che, apparentemente, fatica a comunicare con il suo pubblico e che, invece, proprio in Pascali trova uno degli esempi contrari.

Pascali è noto al di fuori del contesto artistico per la sua morte prematura e terribile: nel sottopassaggio di Corso d’Italia, a Roma, in sella alla sua motocicletta, Pascali impatta una fiat 750 che veniva contromano; senza casco di sicurezza, all’epoca ancora facoltativo, cade a terra, batte la testa ed entra in coma.

Muore dopo due settimane all’apice della sua carriera artistica, l’11 settembre 1968.

Nel cinquantenario della sua morte il Teatro si avvicina all’artista, al personaggio e alla sua opera. Dopo l’attenta programmazione del teatro Vascello dello scorso anno l’Off-Off Theatre proponeL’uomo che cammina nudo. Il testo si ispira all’omonimo libro di Anna d’Elia e all’intervista che Carla Lonzi pubblicò con il titolo Discorsi sulla rivista Marcatrè nel luglio del 67. L’adattamento è di Clarita di Giovanni e Francesco Suriano che firmano anche la regia.

In scena il bravissimo Mauro Racanati  che incarna Pascali dal momento del suo incidente commentando quel che accade attorno a sé, cioè a Pascali, mentre è in coma.

Si dipana così un monologo, giusto nei tempi, elegante, che cerca, riuscendoci, di restituire l’uomo prima che l’artista, il figlio prima che il performer (Pascali sperimenta diverse forme d’arte facendosi testimone diretto del proprio divenire artistico) in un rimando tra le belle suggestioni del testo di d’Elia e le sue parole sull’arte raccolte da Lonzi. Sul palco Racanati\Pascali interagisce con un palinsesto di foto e materiali video che ripropongono alcune delle sue opere, delle sue performance, in un dialogo tra testo e immagini, tra l’artista e le sue opere, squisitamente efficace. Purtroppo la sera cui abbiamo visto lo spettacolo qualche serio problema tecnico ha fatto mancare una parte delle sequenze fotografiche e video, lasciando al pubblico la facoltà di immaginare quel che le altre sere si è potuto vedere sulla scena.
Racanati è riuscito a proseguire, solo lui sa come, come se le immagini fossero al loro posto, a riprova della sua bravura.

Forse un poco fuori registro le caratterizzazioni in vernacolo dei genitori di Pascali alla ricerca di una immedesimazione facile laddove Racanati dimostra di saper incarnare Pascali con innegabili doti introspettive, pochi momenti facili che non intaccano la forza di una interpretazione umanissima e vera.

Così come riuscitissima è la crasi tra i due testi di natura assai diversa, altrettanto squisitamente riuscita è quella tra l’artista Pascali e le sue opere in una doppia partitura nella quale qualche oggetto di scena si rifà alle fotografie mentre le fotografie danno un altro significato alle parole del  monologo in un uso dell’immagine tutt’altro che banale e mai esornativo.

Prima dello spettacolo il pubblico ha potuto vedere manifesti delle mostre e dei film di Pascali, e alcuni dei primi bozzetti da lui realizzati per uno sceneggiato televisivo, allestiti nel Foyer del teatro grazie alla cura di Giuseppe Armogida e Rocco Sciraffa che ha tratto i materiali dalla sua collezione privata.

Un altro tassello della riuscitissima programmazione dell’Off/Off Theatre visto nella serata del 7 dicembre 2019.

 

L’UOMO CHE CAMMINA NUDO
tratto dall’omonimo testo di Anna D’Elia e da ‘Discorsi’ di Carla Lonzi
adattamento Clarita Di Giovanni e Francesco Suriano
con
Mauro Racanati
regia
Clarita Di Giovanni e Francesco Suriano
musiche sound design Stefano Gramitto Ricci
costumi Luigi Bonanno
oggetti di scena Maria Teresa Padula
collaborazione video Francesco Cordio

 

 

(9 dicembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi