Da non perdere
Home / Rimini / Marco Paolini, Il tempo degli Dei. Il calzolaio di Ulisse #Inscena a Rimini il 5 febbraio

Marco Paolini, Il tempo degli Dei. Il calzolaio di Ulisse #Inscena a Rimini il 5 febbraio

di Redazione #Rimini twitter@gaiaitaliacom #Teatro

 

Ulisse è un calzolaio che cammina senza meta con un remo in spalla. E’ un pellegrino invecchiato, uno straniero dai sandali sdruciti, indurito dagli anni, dall’età, dai viaggi e dai naufragi, che non ama svelare la propria identità. Si nasconde, racconta balle, si inventa storie alle quali non solo finisce col credere ma che diventano realtà e, addirittura, mito. Marco Paolini e Francesco Niccolini firmano una rilettura dell’Odissea con le lenti dell’attualità ne “Il tempo degli Dei – Il calzolaio di Ulisse” in scena al Teatro Galli di Rimini martedì 5 febbraio alle ore 21 (sold out), nel cartellone del Turno D – altri percorsi.

“Era nata come Odissea tascabile, è cresciuta nel tempo, nei suoni e nello spazio: è diventata olimpica e quasi alpina. Perché Ulisse più lo conosci e più ti porta lontano: e la distanza (celeste e marina) è la condizione essenziale per comprenderlo e cantarlo. Perché di questo si tratta: un canto. Forse il canto. Antico di tremila anni, passato di bocca in bocca, e di anima in anima: il soul per eccellenza. Perché questa è la storia dell’Occidente, e tutto contiene: dal primo istante, quando nulla esisteva, e un giorno cominciò a esistere, a partire proprio da quelle misteriose, ambigue capricciosissime entità che questa storia muovono: gli dèi”. Marco Paolini descrive così lo spettacolo che lo vede, insieme ad altri interpreti, a solcare nuovamente le rotte tracciate dal primo romanzo epico della letteratura occidentale.

Ex guerriero, ex eroe, ex aedo, l’Ulisse di Paolini e Niccolini è un cinquantenne calzolaio viandante, che da dieci anni cammina – verso dove non si sa – con un remo in spalla, secondo la profezia che il fantasma di Tiresia, l’indovino cieco, gli fa nel suo viaggio nell’al di là, narrato del X canto dell’Odissea. Il protagonista, sotto le mentite spoglie del calzolaio di Ulisse, racconta ad un giovanissimo capraio incontrato apparentemente per caso cosa l’ha portato fino a lì. Il massacro dei 108 giovani principi achei, che gli hanno invaso la casa e insidiato la moglie; il ritorno a Itaca, il nuovo esilio, che lo vede abbandonare la famiglia e il regno, ma soprattutto gli dèi che lo vorrebbero trionfante e immortale. Il viandante e il capraio parlano lungo un sentiero in ripida ascesa, il sentiero che conduce fino allo Chalet Olimpo, dimora divina dove sono in corso i preparativi per una grande e misteriosa festa. Ma tutto questo, il calzolaio con il remo in spalla, lo deve ancora scoprire.

 

 

 

martedì 5 febbraio, ore 21 – Teatro Galli
NEL TEMPO DEGLI DEI
Il calzolaio di Ulisse

di Marco Paolini e Francesco Niccolini
regia Gabriele Vacis
con Marco Paolini
scenofonia, luminismi, stile Roberto Tarasco
produzione: Jolefilm e Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa

 

 

 




 

 

(3 febbraio 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi