Da non perdere
Home / Spettacoli / Venezia, “No stand up comedy” in cui si ride per non ridere di e con Natalino Balasso e Marta Dalla Via

Venezia, “No stand up comedy” in cui si ride per non ridere di e con Natalino Balasso e Marta Dalla Via

di Gaiaitalia.com, #Venezia

 

 

Sabato 4 novembre alle 20.30 e domenica 5 alle 16.00 appuntamento al Teatro Goldoni di Venezia con la prima nazionale Delusionist, spettacolo scritto e interpretato da Natalino Balasso e Marta Dalla Via: una pièce nuova, contemporanea, umoristica e impertinente, nata da occasioni di lavoro comune e dalla visione ed ammirazione reciproca dei rispettivi spettacoli. Delusionist, prodotto da Teatria srl, sarà in scena anche al Teatro Verdi di Padova il 14 e 15 dicembre prossimi, nell’ambito della rassegna Divertiamoci a Teatro.

Ecco cosa Natalino Balasso e Marta Dalla Via raccontano sul loro spettacolo: “La scommessa è questa: divertire il popolo senza essere consolatori. Delusionist parte da un’osservazione molto semplice: oggi, esistere, è pura performance, per incrementare la prestanza  e svettare sul prossimo, l’ultima frontiera da abbattere è quella del sonno. Ci vorrebbe una pastiglia che ci permetta di essere sempre accesi. Un semplice modo per debellare l’oltraggio alla produttività fatto dal tempo passato a dormire, o sognare forse. Questo farmaco è il protagonista del nostro racconto. Insieme ai suoi effetti collaterali”.

Vito Cosmaj, capo di una piccola azienda farmaceutica in difficoltà, ha ideato “The Illusionist”, una pillola che permette di stare svegli per un’intera settimana 24 ore al giorno. Cosmaj e la sua segretaria sono alla ricerca di un’idea per pubblicizzare il prodotto, Natalino Balasso e Marta Dalla Via entrano in azione, convocati per preparare lo spot promozionale. Sfilerà una serie di personaggi di varia umanità: aspiranti musicisti, convinti declamatori, bizzarri performer, in un carosello di provini giostra della peggior quotidianità. Le domande che ci porremo sono intuibili: avrà successo l’innovativa pasticca? Riusciranno Balasso e Dalla Via a confezionare lo spot che deve muovere le masse all’acquisto?

Ma saranno domande che dovranno cedere il passo ad altre, più sottili e meno evidenti: che cos’è, esattamente, la “sette ventiquattro”? In quali misteriose strade dovremo incamminarci per assecondare l’esigenza un po’ modaiola della performance a tutti i costi, della presenza continua, della disponibilità verso un mondo in cui tutti sembrano essere spettatori di tutti?

“Ma non è certo nostra intenzione esprimere giudizi trancianti o indicare vie sconosciute, – spiegano i due attori – lasciamo ai guru e ai sapienti il compito di dare risposte, in questo spettacolo ci si fanno le domande e si ride. Come piccoli alchimisti dell’umore appassionati dalle debolezze dell’umanità vogliamo correre il rischio di scrivere un opera di spirito che possa piacere anche a chi di spirito non ne ha. Accetteremo anche le risate di circostanza fatte dalla massa quando si accorge che è massa e vuol far capire che ha capito lo scherzo, ma saremo appagati anche dalle risate che saranno qualcosa in più di una tecnica di sopravvivenza”.

Lo spettacolo è uno degli Eventi Speciali in cartellone parallelamente alla Stagione di Prosa, che portano sul palco del Teatro Goldoni spettacoli originali e innovativi, dal gospel, alla web serie, all’arte popolare.





(2 novembre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata



 

 

admin

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi