Da non perdere
Home / Prima Teatro / “Le Baccanti” di Emma Dante: quando il saggio diventa capolavoro #Vistipervoi da Alessandro Paesano

“Le Baccanti” di Emma Dante: quando il saggio diventa capolavoro #Vistipervoi da Alessandro Paesano

di Alessandro Paesano, #Roma twitter@Ale_Paesano

 

Il saggio di fine anno della Silvio d’Amico diretto da Emma Dante ci offre una splendida incarnazione del dionisiaco, divertita e divertente. Emma Dante ha diretto gli allievi e le allieve del III anno del corso di recitazione dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico” allestendo uno studio sulle Baccanti di Euripide che costruisce il loro saggio di fine anno.

La tragedia Attica

Il risultato è uno spettacolo completo che va ben al di là della funzione del saggio, presentando uno dei più riusciti allestimenti di una delle tragedie attiche più ostiche che ci siano giunte da un passato nel quale il teatro aveva una funzione civile e cittadina non indifferente.

Dante è ripartita da questo uso collettivo del teatro dell’Atene del IV sec. a.c. per riproporci tramite gli allievi e le allieve d’Accademia una incarnazione dell’estro dionisiaco organico e carnale  delle Baccanti scevro da ogni intellettualismo.

La narrazione collettiva

Lo scontro tra Dioniso e Penteo il primo infuriato col secondo che ha osato dubitare delle sue origini divine, ci viene raccontato attraverso una narrazione corale e collettiva nella quale gli stessi attori e le stesse attrici fanno emergere ora uno ora l’altro personaggio giocando col sovvertimento dei sessi (le donne di Tebe che, feroci e crudeli, diventano le Baccanti) gli uomini minati nell’autorevolezza da una testardaggine a negare il divino che ne erode la virilità) a cominciare da Bacco stesso la cui prima manifestazione è doppia (sono un ragazzo e una ragazza a recitare all’unisono i primi versi della tragedia).
Con una preoccupazione intelligente per le fonti, Dante, che ha scelto l’agile traduzione di Sanguineti che sacrifica la fedeltà al ritmo del verso originale greco a favore di una comprensione diretta, restituisce la musicalità del testo di Euripide con dei brani cantati (di Serena Ganci) che sottolineano alcuni passaggi della storia, restituendo una delle modalità precipue della tragedia quel coro che nelle Baccanti ha un ruolo ancora più importante che altrove.

Maschile e femminile

Tra ammiccamenti ironici ma mai irriverenti alle sovrastrutture della nostra religione (Penteo vestito da donna per spiare le Baccanti viene portato sul monte Citerone come la statua della Madonna in una delle tante processioni paesane) e l’invasamento di Bacco che attraversa il corpo di ogni performer con un tremore che ne percuote il corpo, Dante allestisce uno spettacolo che supera totalmente gli standard del saggio facendo raggiungere ai ragazzi e alle ragazze una precisione assoluta nell’esecuzione dai movimenti scenici (di Sandro Maria Campagna) al canto, dalla al linguaggio del corpo, che spesso manca in tanti spettacoli.

Dante firma anche i costumi, splendidi, che costituiscono un sottotesto splendido nei suoi riferimenti, sottolineando l’artificiosità della distinzione statica tra maschile e femminile mostrando come una tunica possa diventare gonna o come un jeans strappato si addica a entrambi i sessi. Mentre Carmine Maringola trasforma il palcoscenico in un ambiente completamente rivestito di una stoffa porpora,  gigantesca vagina nella quale avviene tutta l’azione.

Uno spettacolo imperdibile da vedere assolutamente in scena fino a domenica 29 ottobre.

 

 

Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico”

Saggio di diploma del Corso di Recitazione 

Teatro Studio ‘Eleonora Duse’ – Via Vittoria, 6

fino al 29 ottobre  2017 – ore 21

domenica ore 18:00

Interpreti: Carmelo Alù, Grazia Capraro, Marco Celli, Irene Ciani, Gabriele Cicirello, Renato Civello, Jessica Cortini, Francesco Cotroneo, Eugenia Faustini, Angelo Galdi, Alice Generali, Adalgisa Manfrida, Paolo Marconi, Eugenio Mastrandrea, Elisa Novembrini, Michele Ragno, Riccardo Ricobello, Camilla Tagliaferri, Luca Vassos, Barbara Venturato.

Musiche e arrangiamenti corali Serena Ganci

Movimenti scenici Sandro Maria Campagna  

Scene Carmine Maringola

Costumi Emma Dante  

Luci Cristian Zucaro





(23 ottobre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

admin

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi