Home / Spettacoli / Torino, #Inscena “L’Arialda” di Giovanni Testori, regia di Valter Malosti fino al 31 gennaio

Torino, #Inscena “L’Arialda” di Giovanni Testori, regia di Valter Malosti fino al 31 gennaio

L'Arialda Valter Malosti 00di Gaiaitalia.com

 

 

 

 

L’Arialda (1960) è il terzo volume del ciclo de I segreti di Milano di Giovanni Testori, un grande e ruvido affresco in cui l’autore seppe raccontare, con straordinaria incisività e poesia, l’anima della periferia milanese negli anni del boom economico, a cavallo fra gli anni Cinquanta e Sessanta, in un momento delicatissimo della storia italiana. L’autore, per Giovanni Raboni il “più instancabile sperimentatore della letteratura italiana di questi ultimi decenni”, con una sorta di poesia concretissima racconta le storie di chi – soprattutto i giovani, votati a definire il proprio destino – lotta per affermarsi tra strade di periferia, cavalcavia, ponti, prati, umili e spoglie stanze d’appartamento, palestre, osterie, bar e balere. Amori scomodi, legami torbidi e complessi, vertiginose incrinature emotive incidono le vite di questa umanità. Un realismo espressionista che nel campo teatrale lo pone al livello dei grandi del teatro europeo, addirittura anticipando gli esiti del primo Fassbinder. E ne L’Arialda, una vera e propria “tragedia popolare” nelle intenzioni dell’autore, il tutto viene innervato dalla creazione straordinaria della protagonista che si aggira, alla Kantor, in un mondo in cui il confine tra vivi e morti diviene sempre più labile. Ma come in tutti i grandi autori, commedia (e ce n’è molta ne L’Arialda) e tragedia si fondono inscindibilmente. L’Arialda segnerà anche una nuova “scandalosa” collaborazione con Luchino Visconti, (dopo Rocco e i suoi fratelli, la cui sceneggiatura è largamente ispirata ai primi due volumi de I segreti: Il ponte della Ghisolfa e La Gilda del Mac Mahon), che diresse Stoppa e la Morelli in uno spettacolo bloccato dalla proterva e retriva censura italiana dell’epoca, la stessa che colpì più volte negli stessi anni Pier Paolo Pasolini.

 

Alle Fonderie Limone di Torino fino al 31 gennaio.

 

 

 

 

 

 

con Matteo Baiardi, Vittorio Camarota, Christian Di Filippo, Noemi Grasso, Roberta Lanave, Camilla Nigro, Archimede  Pii, Gloria Restuccia, Marcello Spinetta, Jacopo Squizzato, Beatrice Vecchione, Isacco Venturini
regia Valter Malosti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(20 gennaio 2016)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

admin

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi